Recensioni negative vs recensioni positive

L’ultima volta abbiamo parlato del perché conviene concentrarci sugli ospiti che hanno espresso in giudizio positivo rispetto a quelli che hanno espresso un giudizio negativo.

Farlo però è davvero difficile. La maggior parte di noi infatti, è concentrata quasi esclusivamente sul miglioramento dell’esperienza del cliente insoddisfatto.
Perché lo facciamo?
Anche in questo caso le ricerche ci vengono in aiuto.
E’ stato ampiamente dimostrato infatti, che tendiamo a preoccuparci in modo quasi ossessivo dei problemi e delle informazioni negative.
 

“I tifosi pensano più alle partite perse che a quelle vinte delle loro squadre.”

Il feedback negativo ha un impatto più forte rispetto al feedback positivo: ci concentriamo molto più su una recensione negativa rispetto ad una positiva. E’ stato anche calcolato che il rapporto è 1 a 10 (1 commento negativo fa da contraltare a 10 commenti positivi)
La conclusione di queste ricerche è che “il negativo è più forte del positivo
Ecco perché non dobbiamo stupirci se i giudizi negativi pesano più dei giudizi positivi.

Questo significa che dobbiamo abbandonare l’idea di poter risolvere i problemi che abbiamo in struttura? Ovviamente no, ma dobbiamo “riassegnare” l’attenzione cercando di elevare i giudizi positivi.

E questo processo di elevazione, di spostamento verso il “7” (vedi articolo qui) non consiste semplicemente nel sistemare falle o riempire “buche”.
Per creare dei veri e propri fan, dobbiamo generare esperienze straordinarie, il che richiede di generare dei picchi. E i picchi non emergono naturalmente. Bisogna costruirli.

Per costruire un picco è fondamentale concentrarsi sull’elevazione di un momento specifico. Ci sono sostanzialmente 3 modi per farlo:

alzando la posta in gioco, accrescendo l’attrattività sensoriale (amplificando la realtà: le cose sembrano migliori, più gradevoli e intense rispetto al solito) e discostandosi dal copione (ovvero violare le aspettative rispetto ad un’esperienza).
Il picco dunque è un momento davvero speciale che deve però apparire diverso,  pensiamo ad esempio alla frequenza con cui indossiamo capi specifici in occasione dei picchi: toghe per la laurea, abiti da cerimonia per matrimoni, comunioni, ecc. Solo così possiamo creare esperienze che hanno un impatto straordinario.

CONDIVIDI IL POST

CONDIVIDI IL POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

in3pida da oggi diventa
EXTRA!

Un contributo sempre a tua disposizione. Insieme costruiamo un percorso di crescita che parte dalle strategie di vendita online, passa dalle attività di promozione e arriva ai risultati. 

Accesi a contenuti esclusivi!

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NEWS IN3PIDE?

Accedi a newsletter, articoli, podcast, eventi e tutti i contenuti esclusivi del team in3pida. Qui trovi contenuti di valore, consigli e suggerimenti per migliorare ogni giorno la tuà attività.

Voglio essere in3pido anche io. Mandami in anteprima tutte le notizie!

1 Step 1
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder

Viale Sardegna, 2-4 | 47838 Riccione (Rn)
info@in3pida.it   | P.Iva 04418820405